GIRO. FROOME: “3 MINUTI SONO TANTI, MA IL GIRO NON E’ FINITO”

di Carlo Gugliotta

Chris Froome sembra essersi lasciato alle spalle i brutti momenti di questa prima parte di Giro d’Italia.

Vincere sullo Zoncolan è fondamentale per il morale, visto che si tratta della salita più dura d’Europa. “Continuerò a spingere al massimo fino a Roma - afferma il britannico - tre minuti sono tanti da recuperare, ma proverò a fare quello che posso. Una settimana fa ho avvertito un forte dolore alla mia gamba destra, era una tappa apparentemente facile, ma quella è stata una brutta giornata. Da lì in poi il mio corpo ha iniziato a recuperare, fino alla vittoria di oggi”.
Sicuramente, ancor più che la tappa di domani, il percorso della cronometro di martedì si addice molto alle caratteristiche del britannico: “Ho già provato il percorso della cronometro e lo farò di nuovo perchè è uno dei momenti chiave del Giro, ma non credo che farò la ricognizione a tutta dal primo all’ultimo metro, visto quello che è successo a Gerusalemme. Da Yates e Dumoulin non mi aspetto nulla, tutto può succedere al Giro: dovrò fare del mio meglio per recuperare”.
Infine, un elogio al proprio compagno di squadra, Wout Poels: “è un grandissimo corridore, lo scorso anno ha svolto un lavoro simile per me, e lo voglio ringraziare perchè ha dimostrato ancora una volta a tutti di avere grande classe. Wout ha fatto davvero un lavoro eccezionale”.

Ultima modifica il
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

banner468x60 256

Loading
http://bikelive.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/BannerOttaviani.BannerBottom2015gk-is-163.jpglink
http://bikelive.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/BannerBevilacqua.Logo-nuovo-BEVILACQUA50gk-is-163.jpglink

DIFFUSIONE CICLISMO

  • CHI SIAMO
  • SERVIZI
  • PREZZI
  • CONTATTI

Ultimo Km

Libero 6

Libero 2

Libero 3