GIRO DI COMMENTI - TUTTI AL LIMITE

A cura di Carlo Gugliotta

Non credo ci sia da scandalizzarsi eccessivamente se nessun corridore riesce ad attaccare e fare la differenza rispetto agli altri.

Le forze in campo rimaste sono queste: sono state due settimane abbondanti molto dure, probabilmente anche di più di quello che ci si aspettava alla vigilia, di conseguenza nessuno dei corridori che stanno lottando per la maglia rosa ha la possibilità di lanciare un vero e proprio attacco importante.
Lo scorso anno il Giro d’Italia è stato lo show di Egan Bernal, capace di attaccare ripetutamente e di non andare mai in crisi, fatta eccezione per una mezza giornata (forse). Carapaz e Hindley, fino ad oggi, sono alla pari, altrimenti non avrebbe senso per loro andare a fare uno sprint per un abbuono, anche quando non c’è, come oggi.
Diventa anche molto complicato, a questo punto, cercare di capire cosa potrà accadere a Castelmonte e sulla Marmolada, gli ultimi due arrivi in salita di questa edizione che precedono la cronometro finale di Verona. La Ineos-Grenadiers non riesce a rimanere con troppi uomini intorno al proprio leader, l’unico gregario che oggi ha dimostrato di saper fare la differenza è Wout Poels. Sarà lui l’ago alla bilancia di questa incerta lotta alla maglia rosa?

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

banner468x60 256

Loading
https://bikelive.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/BannerOttaviani.BannerBottom2015gk-is-163.jpglink
https://bikelive.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/BannerBevilacqua.Logo-nuovo-BEVILACQUA50gk-is-163.jpglink

DIFFUSIONE CICLISMO

  • CHI SIAMO
  • SERVIZI
  • PREZZI
  • CONTATTI

Ultimo Km

Libero 6

Libero 2

Libero 3